Schede sui diritti dell'infanzia 2019 - Dossier docenti

Disponibilità
Immagine
Schede diritti dell'infanzia 2019 dossier docenti
Disponibile online
Accesso gratuitamente
Contenuto

Il 20 novembre 1989, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC). Per celebrare questo 30° anniversario, la Giornata internazionale del bambino è un'occasione per sensibilizzare gli studenti e gli insegnanti sul principio della partecipazione dei bambini dal punto di vista della cittadinanza partecipativa.
Le attività proposte permettono di individuare i diritti fondamentali dei bambini, comprendere la nozione di cittadinanza partecipativa e riflettere sulla propria visione della partecipazione in classe e a scuola.

Gli allievi prendono parte ad un processo decisionale e prendono in considerazione un progetto collettivo.

Le varie attività sono rivolte ai 3 cicli HarmoS.

Dettaglio
Autore/i
Valérie Arank
Edizione | Anno
Istituto internazionale dei diritti del bambino (IDE)
2019
Tipo di materiale
PDF
Formato
PDF 4 p.
Livello scolastico
Ciclo 1
Ciclo 2
Ciclo 3
Tipo didattico
Sequenza d’insegnamento
Collegamento al piano di studio
Il Piano di studio della scuola dell’obbligo ticinese attribuisce un ruolo significativo all’educazione alla cittadinanza e all’educazione allo sviluppo sostenibile (ESS), in cui si inserisce l’educazione ai diritti dell’infanzia.
Le varie attività proposte permettono inoltre di esercitare diverse competenze trasversali come la collaborazione, la comunicazione o ancora il pensiero creativo e quello riflessivo.
L’educazione allo sviluppo sostenibile incoraggia inoltre l’acquisizione di competenze specifiche come il pensiero sistemico, la collaborazione,la partecipazione e l’utilizzazione del proprio margine di manovra.
Grazie a queste competenze, gli allievi potranno mettere in relazione la cittadinanza partecipativa, la loro situazione attuale e i diritti dell’infanzia, ma anche appropriarsi dei loro diritti per poi utilizzarli come uno strumento della partecipazione civile e quindi essere attori della propria esistenza.