Land Grabbing

Come il mercato delle terre crea il nuovo colonialismo
Per richiedere
Immagine
Disponibile online
Accesso a pagamento

In prestito

Disponibile in libreria
Contenuto

Dopo la crisi finanziaria del 2007, la terra da coltivare (specie quella del Sud del mondo) è diventata un bene sempre più prezioso, oggetto di un frenetico "accaparramento" il cui risultato è una nuova forma di colonialismo che rischia di alterare gli scenari internazionali. Viaggiando fra l'Etiopia e il Brasile, l’Arabia Saudita e la Tanzania, passando per la borsa di Chicago, la FAO e le convention finanziarie, Liberti fa luce su un fenomeno poco indagato ma di scottante attualità, svelandoci come i legami fra politica internazionale e mercato globale stiano cambiando il volto del mondo in cui viviamo. Libro interessante che, grazie ad una esaustiva inchiesta giornalistica, spiega il fenomeno in atto a livello globale relativo all'accaparramento delle terre agricole da parte di Stati o di grandi compagnie. Mostra le produzioni in atto, i conflitti, le politiche e le persone coinvolte e/o protagoniste di questo nuovo fenomeno. Adatto ai docenti del secondario 2 (licei) e per il terziario che vogliono approfondire la tematica e avere degli spunti di riflessione su questo tema sempre più di attualità.

Dettaglio
Autore/i
Stefano Liberti
Edizione | Anno
minimum fax, Roma
2015
Tipo di materiale
Libro
Formato
Nuova edizione
ISBN
978-88-7521-680-1
Livelli scolastici
Secondario II (liceo, medie superiori)
Secondario II (formazione professionale)
Livello terziario A
Livello terziario B
Tipo didattico
Informazione di base